Supporto
 

News

Rincari su raccomandate, la PEC conviene sempre di più

  |   News   |   No comment

Le Poste hanno previsto dei rincari su raccomandate e pacchi. Per questo la PEC diventa un’alternativa sempre più valida.

Echo Sistemi, articolo che riguarda i Rincari su Raccomandate

 

Rincari su raccomandate e lettere, una sgradita sorpresa

Le ferie sono finite ma il rientro non è di certo dei migliori. Infatti, a partire dal 3 luglio sono stati previsti aumenti su alcune tariffe postali di Poste Italiane. In particolare sono stati operati dei rincari su raccomandate, pacchi, plichi e lettere.

La notizia è passata un po’ in sordina ma la sua portata sarà comprensibile soltanto adesso, al rientro dalle vacanze.

Questi rincari sono stati stabiliti “nel rispetto dei limiti e delle prescrizioni disposte dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni”. Tuttavia, si parla sempre di un incremento tariffario che arriva anche al 10%.

Gli aumenti

Come accennato, gli aumenti hanno riguardato una consistente porzione dei servizi offerti da Poste Italiane.

Di seguito alcuni dei rincari:

  • Posta ordinaria; l’invio di una lettera fino a 20 gr passa da €0,95 a €1,10;
  • Postamail internazionale; l’invio di una lettera per la zona 1 di massimo 20 gr passa da €1 a €1,15;
  • Raccomandata; la tariffa, sempre fino a 20 gr, passa da €5 a €5,40;
  • Raccomandata internazionale; l’invio, per la zona 1 e sempre massimo 20 gr, passa da €6,60 a €7,10;
  • Raccomandata Pro; l’invio fino a 20 gr, da €3,40 è passato a €3,60.

 

Urgono alternative: la PEC

Questi aumenti, soprattutto i rincari su raccomandate sono stati accolti, prevedibilmente, come un ulteriore e inaccettabile balzello, che nel lungo periodo andrà a pesare in maniera non indifferente sulle finanze di aziende e professionisti.

Tuttavia, le alternative non mancano; in particolare, una Raccomandata può essere sostituita dall’invio di un messaggio di PEC, ovvero di Posta Elettronica Certificata.

La PEC funziona in modo totalmente identico a quello della posta elettronica ordinaria; infatti, come una normale casella, può avvenire attraverso il web o tramite un client di posta (ad esempio Mozilla Thunderbird) ma ha lo stesso valore legale di una Raccomandata con ricevuta di ritorno.

Inoltre, consente attestare la data e l’ora dell’invio del messaggio e, grazie ai protocolli di sicurezza, consente di garantire che il messaggio non venga alterato.

Le ricevute di accettazione e consegna garantiscono che il messaggio venga ricevuto correttamente dal destinatario.

Infine, l’utilizzo di una casella PEC consente di risparmiare tempo: il messaggio viene inviato e ricevuto in pochi secondi e non è necessario recarsi in un ufficio postale e fare la fila per inviarlo.

 

 

Nessun commento

Scrivi un commento

Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma solo di tipo tecnico di terze parti. Proseguendo la navigazione, si accetta implicitamente la Cookie Policy e la Privacy Policy .

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi